www.albalog.it
 
  Visual dBsee

Visual dBsee
- Informazioni
- Il compilatore Xbase++
- Aggiornamento da dBsee for Xbase++ o dBsee 4.x

Architettura C.A.S.E.
- Ambiente visual dBsee
- Repository
- Gli oggetti
- Generazione del codice
- Template
- Libreria

Tour del programma
- Informazioni
- Progetto
- Dizionario dati
- Men¨ progetto
- EntitÓ
- Form Designer
- Browse Designer
- Generazione

Documentazione

Screenshots

Faq

Supporto tecnico

Listino

Requisiti minimi

Contattaci



ALBALOG s.r.l.
Via del Ponte all'Asse, 2
Osmannoro - Sesto Fiorentino
50019 - Firenze
Tel.(+39) 055.308102
Fax (+39) 055.311737
info@albalog.it

Cod.Fisc. e P.IVA: 05048280480
Reg.Imp. FI 05048280480
R.E.A. 514680
Cap.Soc. €11.000,00 Int.Vers.

Visual dBsee, il C.A.S.E. standard per Xbase++

L'ambiente di sviluppo Visual dBsee Ŕ strutturato in modo tale da fornire un'agevole interazione con tutte gli oggetti di cui l'applicazione si compone (tabelle, campi, indici, form, query, report, control ecc...).
Le caratteristiche di questi oggetti sono memorizzate nel
Repository di progetto, costituito principalmente da un Dizionario Dati e da un Elenco EntitÓ.

Il Dizionario Dati contiene le informazioni relative al database che l'applicazione utilizza, cioŔ tabelle, campi, indici, relazioni e transazioni, mentre l'Elenco EntitÓ contiene tutte le informazioni relative al layout dell'applicazione finale.

Il flusso logico dell'applicazione Ŕ dato dall'insieme di entitÓ che ne fanno parte e dalle loro relazioni. Ogni entitÓ definisce una ben precisa funzionalitÓ e coopera con le altre entitÓ per definire le funzionalitÓ dell'intera applicazione. Le entitÓ principali sono direttamente accessibili dall'utente finale dal men¨ applicazione creato nel Men¨ Progetto. Degli esempi di entitÓ sono la Form, che definisce un formato di data entry, la Query per eseguire una selezione di record   ed il Report, che definisce un formato/layout di stampa.

Per facilitare l'inserimento degli oggetti in Visual dBsee sono previsti i Wizard, tramite i quali Ŕ possibile effettuare la creazione guidata in modo semplice e intuitivo.

Ogni entitÓ viene definita in modalitÓ Design, sfruttando un ambiente di sviluppo WYSIWYG (What You See Is What You Get) che permette di impostarne le caratteristiche vedendo a video quello che sarÓ l'aspetto reale dell'applicativo finale.
In modalitÓ Design Ŕ possibile inserire in ogni oggetto un insieme di Control: elementi grafici che permettono all'utente di interagire con l'applicazione. Visual dBsee permette di gestire tutti i tipi di control standard, tra cui Get, Say, Pushbutton, List Box, Radio Button e Spin Button.

Il Generatore di Visual dBsee sfrutta le informazioni del repository per generare i sorgenti Xbase++ necessari all'implementazione dell'applicazione. Per ogni oggetto viene generato un file sorgente PRG; inoltre vengono generati alcuni files speciali, necessari alla compilazione dell'applicazione, come il file di Make.

Il processo di generazione Ŕ interamente controllato da file denominati Template. Le istruzioni in linguaggio dBTL (dBsee Template Language), riportate in questi file, istruiscono il generatore su come tradurre le definizioni di progetto immesse nel repository in istruzioni Xbase++ di Alaska Software. All'interno del pacchetto Visual dBsee vengono forniti tutti i template necessari alla generazione delle applicazioni; gli utenti pi¨ esperti hanno comunque la possibilitÓ di modificare i template esistenti o di costruirne di nuovi per meglio soddisfare le proprie necessitÓ.

L'immagine seguente schematizza l'interazione tra i vari moduli che compongono l'ambiente di sviluppo di Visual dBsee.